LE CAUSE PSICOLOGICHE DELL’INSONNIA

LE CAUSE PSICOLOGICHE DELL’INSONNIA

LE CAUSE PSICOLOGICHE DELL’INSONNIA

Nessun commento su LE CAUSE PSICOLOGICHE DELL’INSONNIA

L’insonnia non è di per sé una patologia, ma piuttosto un sintomo. Può essere considerata come un campanello d’allarme che ci indica che qualcosa non sta funzionando bene, un segnale di un malessere sottostante di tipo psicologico.

Il più delle volte, l’insonnia si configura come un’iperattivazione fisiologica che l’organismo, senza un controllo cosciente, mette in atto per far pronte a periodi di forte stress. L’insonnia non è però sempre uguale, sia nelle cause, che nelle manifestazioni.

Innanzitutto, la distinzione più importante è legata alla durata del sintomo. E’ esperienza comune avere difficoltà a prendere sonno in concomitanza con alcuni eventi importanti o situazioni che ci hanno intensamente sollecitato. Ad esempio, un periodo di stress a lavoro, un litigio, un trasloco possono essere causa di insonnia occasionale. Altre volte, la difficoltà a dormire è più marcata e duratura nel tempo, si parla di insonnia transitoria. In questi casi, i fattori di stress probabilmente si sono accumulati nel tempo, oppure gli eventi da cui è scaturito il sintomo sono stati inaspettati ed emotivamente destabilizzanti. In questi casi, l’insonnia non può ancora essere considerata un disturbo vero e proprio. Essa è una forma di adattamento della nostra mente alle sollecitazione e alle circostanze ambientali, solitamente si risolve spontaneamente. In altre situazioni però l’insonnia diventa una costante, si parla allora di insonnia cronica. Spesso l’evento o gli eventi che hanno originato il problema sono lontani e ciò rende difficile trovare una spiegazione razionale. Il cervello non si riesce a spegnere e si crea un vero e proprio meccanismo che rinforza l’impossibilità di dormire.

Tipi Insonnia Psicologo Torino

 

Il circolo vizioso dell’Insonnia

Il meccanismo che si innesta nell’insonnia è rappresentabile come un circolo vizioso. L’impossibilità di dormire adeguatamente genera la preoccupazione che la stessa situazione si ripresenti ogni notte. La carenza di sonno genera preoccupazione per le conseguenze sulle attività diurne, di commettere errori a lavoro, o ancora di perdere il controllo,di non riuscire a seguire con concentrazione le incombenze della vita quotidiana.Peanuts Insonnia Psicologo Torino

Tutte queste preoccupazioni si intensificano mano a mano che si avvicina l’ora di andare a dormire. Così accade che si arrivi nel letto già in una condizione di attivazione psico-fisica, che è l’opposto del rilassamento necessario per prendere sonno. L’effetto paradossale di tutto ciò è che la preoccupazione di non riuscire a dormire spinge a rimanere svegli e vigili.

Infine, l’insonnia si ripercuote sulla vita emotiva, sociale e relazionale della persona. Le relazioni, infatti, diventano sempre più difficili da gestire e, soprattutto, possono trasformarsi da fonte di gratificazione a elemento di disturbo. L’insonnia ha degli effetti anche a livello organico, abbassando le difese immunitarie e rendendo più probabile l’insorgenza di altri disturbi fisici e psicosomatici.

 

Spiegazione psicologica

L’abitudine a pre-occuparsi è alla base di molte problematiche, tra cui anche l’insonnia. Mantenendo il pensiero acceso e orientato sul futuro, la nostra mente non riesce a trovare la giusta condizione per rilassarsi. Nel tentativo di prevedere e controllare ciò che accadrà, perdiamo la possibilità di rilassarci.

Allo stesso modo, anche coloro che sono abituati a pensare spesso al passato possono avere grosse difficoltà ad addormentarsi. Può capitare che tutta l’attività mentale rimanga concentrata anche di notte su ciò che è successo nella giornata o in un passato più lontano. Senso di colpa o rabbia sono le emozioni tipiche associate ai ricordi della giornata.

Il tempo del sonno è il presente, nell’insonnia si rimane ancorati ad altri tempi: come il futuro per le preoccupazioni o il passato per il rimuginio.

Psicologo Torino Insonnia

Ovviamente, queste modalità di pensiero non sono attiva solo durante la notte, ma anche di giorno. Questo tipo di pensiero impedisce di vivere il presente, non permette di godere delle esperienze positive, rende faticoso il lavoro e, a lungo andare, può generare molta ansia. Altre volte, succede che le preoccupazioni e il rimuginio compaiano solo di notte, ma questo accade perchè durante il giorno siamo troppo impegnati a fare cose per sentire i nostri pensieri. Essi emergono con tutta la loro forza solo di notte.

In conclusione, per curare il nostro rapporto con il sonno, dobbiamo curare il nostro approccio alla vita durante il giorno.

 

A cura del Dott. Luca Monasterolo

[Voti: 12    Media Voto: 5/5]

 

LE CAUSE PSICOLOGICHE DELL’INSONNIA ultima modifica: 2015-11-29T10:33:55+00:00 da Dr. Luca Monasterolo

Back to Top