PERCHE’ SCEGLIERE E’ COSI’ DIFFICILE?

PERCHE’ SCEGLIERE E’ COSI’ DIFFICILE?

PERCHE’ SCEGLIERE E’ COSI’ DIFFICILE?

Nessun commento su PERCHE’ SCEGLIERE E’ COSI’ DIFFICILE?

Tutti i giorni prendiamo delle decisioni. Scegliere fa parte di ogni singolo giorno della nostra vita. Capita però che delle scelte siano particolarmente difficili e si rimanga imbrigliati in un vicolo cieco, un vero e proprio blocco della nostra capacità decisionale.

Tutti noi, prima o poi, ci confrontiamo con questa difficoltà. Le decisioni che possono cambiare il futuro sono sicuramente le più difficili da prendere: ad esempio cambiare lavoro, spostarsi in un’altra città, chiudere una relazione importante. Ma in periodi delicati della nostra vita anche decisioni meno vincolanti possono diventare fonte di ansia.

Quando qualcosa intralcia la nostra capacità di scelta si possono commettere tre tipi di errori:

● Decisioni affrettate

● Decisioni troppo lente

● Non decisioni.

Alla base di queste tre scelte poco funzionali alla nostra vita c’è qualcosa che blocca il naturale processo di presa di decisioni.

 

Cosa ti trattiene?

La domanda più importante da porsi non è qual è la soluzione migliore tra le varie alternative, ma è quale ostacolo mi impedisce di prendere una decisione.

Vediamo più in dettaglio quali sono i rischi di cercare a tutti i costi la soluzione migliore. L’assunto di base è: esiste una soluzione perfetta. Questo non è sempre vero. È dimostrato infatti che il perfezionismo blocca il processo di scelta. Questo tipo di pensiero tende ad intrappolarci in una lotta tra due o più alternative soppesando i pro e i contro a livello razionale. Stilare una lista di pro e contro mantiene l’indecisione in una situazione di totale equilibrio.

Altra conseguenza di questa strategia è il continuo rimuginare sulle alternative. Si inizia a girare su se stessi senza venire a capo del problema. Ciò porta con sé una buona dose di ansia che non è mai una buona consigliera.

La domanda più utile è quindi quale ostacolo mi impedisce di scegliere. In questo campo entra in gioco la componente emotiva, non solo la razionalità. Ciò che trattiene dal prendere una decisione può essere la paura di sbagliare, la paura di precludersi delle possibilità, l’idea che ogni decisione porti con sé un possibile fallimento.

A questo punto è importante ricordare che ogni decisione porta con sé la rinuncia a qualche possibilità, qualunque scelta sia, anche il non decidere. Da questa verità non si può scappare, tant’è che anche il non decidere è una scelta che porta a sacrificare altre alternative. Accettare questa idea è il presupposto per poter cogliere le reali paure sottostanti. Inoltre ciò permette di vedere le reali opportunità in ognuna delle alternative e quanto esse siano coerenti con il nostro progetto di vita.

Prendere decisioni Psicologo Torino

In conclusione, ogni presa di decisione è un percorso. Alcune scelte sono più semplici, altre più controverse. Quando il percorso si blocca è utile fermarsi per capire quali sono le paure sottostanti. Nonostante l’impegno e la volontà in alcune occasioni  è difficile percorrere questi passi da soli, soprattutto quando la posta in gioco è molto alta. In questi casi, è utile rivolgersi ad una persona esterna e competente che può accompagnare nel chiarire il conflitto che impedisce di scegliere.

 

A cura del Dott. Luca Monasterolo

[Voti: 6    Media Voto: 4.3/5]

 

PERCHE’ SCEGLIERE E’ COSI’ DIFFICILE? ultima modifica: 2015-09-06T11:45:50+00:00 da Dr. Luca Monasterolo

Torino:
Via Bava 2
Carignano:
Via Trieste 24

Tel:
+39 3931666752
E-Mail:
info@monasterolo-psicologotorino.it

Back to Top