QUANDO IL PERFEZIONISMO DIVENTA PATOLOGICO?

QUANDO IL PERFEZIONISMO DIVENTA PATOLOGICO?

QUANDO IL PERFEZIONISMO DIVENTA PATOLOGICO?

Nessun commento su QUANDO IL PERFEZIONISMO DIVENTA PATOLOGICO?

Il perfezionismo è un’arma a doppio taglio. Nella giusta dose, un po’ di perfezionismo è utile nella vita perché ci spinge a migliorarci continuamente e ad affrontare le difficoltà con fiducia nelle nostre capacità. Quando il perfezionismo diventa rigido e pervasivo, al contrario diventa un ostacolo alla nostra realizzazione personale.

Un mito rappresenta molto bene il perfezionismo patologico: Le fatiche di Sisifo.

Sisifo fu condannato da Ade a trascinare un masso enorme lungo un ripido pendio per farlo rotolare dall’altra parte della collina. Ma, una volta giunto in cima, il masso, spinto da una forza divina, rotolava nuovamente a valle costringendo Sisifo a ricominciare da capo il duro lavoro.

La ricerca della perfezione è una grande fatica che alla fine non porta ad alcun risultato ad eccezione della frustrazione e della continua auto-critica.

 

Perfezionismo Psicologo Torino Aforisma

 

10 Segnali del perfezionismo patologico

Ecco alcuni segnali che ci dovrebbero far pensare ad una tendenza eccessiva al perfezionismo:

1. I compiti che scelgo di portare a termine devono essere sempre perfetti e inattaccabili.

2. Desistere prima di iniziare un’attività o un compito se non sono sicuro di rispettare le mie alte aspettative.

3. Gli altri non devono avere nessun motivo per criticare me o il mio lavoro.

4. Pretendere che gli altri si comportino in modo ineccepibile, trovandomi spesso a correggere ciò che gli altri fanno.

5. Controllare spesso per evitare che possa sfuggirmi qualcosa.

6. Pensare che le conseguenze dei miei errori saranno molto difficili da sistemare.

7. Trovare difficoltoso prendere delle decisioni anche molto semplici per paura di fare una scelta sbagliata.

8. Evitare di delegare agli altri per il timore che non agiscano esattamente come dovrebbe essere fatto.

9. Mettermi sulla difensiva se qualcuno fa delle critiche.

10. Sentirmi in ansia e preoccupato quando non riesco a rispettare i tempi che mi ero prefissato.

Le persone altamente perfezioniste hanno paura di sbagliare, sono costantemente attente e preoccupate al livello della loro performance. Tutto ciò genera ansia e stress continuo.

Quando la persona non riesce più a far fronte a questo stress, per difendersi mette in atto una serie di strategie che mirano a svalutare l’importanza di ciò che si sta facendo: il cinismo e il burnout lavorativo sono esempi di questa modalità.

Il perfezionismo può essere alla base di varie problematiche come ansia, depressione e disturbi alimentari.

 

Charlie Brown Perfezionismo Psicologo Torino

 

Spiegazione psicologica

I 3 elementi cardine che si possono desumere da questa prima descrizione del perfezionismo patologico sono:

● Attenzione costante alla performance

● Importanza eccessiva delle aspettative delle altre persone

● Esigenza del controllo

Questi 3 elementi fanno pensare ad una autostima oscillante che varia a seconda dei risultati ottenuti, dei rimandi e giudizi degli altri e di quanto siamo in grado di controllare l’ambiente circostante.

L’autostima che non è basata su un senso interiore di valore personale e di auto-riconoscimento è destinata a fluttuare a seconda delle circostanze esteriori. I risultati delle nostre azioni allora dovranno sempre essere perfetti, perché eventuali errori intaccheranno l’immagine che abbiamo di noi stessi.

Le critiche che possono arrivarci dagli altri creeranno un profondo senso di inadeguatezza che potrà creare rabbia, come modalità di difesa, oppure una grande tristezza.

L’unico modo che avremo per cercare di ottenere sempre risultati inattaccabili sarà allora cercare di controllare tutto e tutti nella falsa percezione di poter influenzare il corso degli eventi in ogni circostanza. Però questa è una strategia ad alto dispendio di energie che, per di più, non funziona sempre.

La conseguenza di tutto ciò è un senso di continua insoddisfazione, perché non si potrà mai sentire reale soddisfazione per ciò si ottiene. L’asticella va spostata sempre più in alto nella ricerca compulsiva di conferme del proprio valore.

 

Alcuni consigli per persone perfezioniste

Quando senti che il tuo perfezionismo va fuori controllo, leggi questa lista.

Perfezionismo Psicologo Torino

A cura del Dott. Luca Monasterolo

[Voti: 10    Media Voto: 5/5]

 

QUANDO IL PERFEZIONISMO DIVENTA PATOLOGICO? ultima modifica: 2015-11-22T15:50:19+00:00 da Dr. Luca Monasterolo

Back to Top